UNA TIGRE CHIAMATA DEMIURGUS

i0

Complimenti al nostro amico Demiurgus che ha vinto il sesto episodio di Tigri di Carta. Il nostro amico dell’etere, che si affaccia spesso su questo palcoscenico, è riuscito a intrigare con le sue meravigliose cyber-visions gli autori di questo interessante (ed unico nel suo genere) esperimento creativo on-line.

TIGRI DI CARTA: Sesto episodio

U ed E si preparano per la battaglia finale. I due si recano da Gerard e Shadow, per dotarsi di “armi non convenzionali”. La prima, data ad U, è uno yo-yo che si regge a un filo di luce, ottimo per ferire l’UN. Ad E, invece, viene dato un fucile a canne mozze che spara proiettili speciali, contenenti i personaggi delle favole, che indeboliscono il bersaglio con buoni sentimenti e gioia. E. riceve anche un arco con delle frecce cariche di vernice colorata. Armati, i due agenti sono pronti al conflitto finale. Ma il Vampiro gli si accosta: si è ripreso del tutto e vuole partecipare alla battaglia. Sarà un alleato formidabile.
I tre si recano a un pub dove si suona musica dal vivo, il Black Rain, per cercare il loro uomo: Mano Sinistra Di Dio.
Giunti lì, ricevono una calorosa accoglienza dal barista Sam. Lui ed E. sembrano avere molti trascorsi leggendari. Manero, il gestore, li fa accomodare. Ugo è ammaliato da una seducente cubista, Cindy, che ignora le sue lusinghe. Il tutto accade sulle note morbide di MSDD che arpeggia un tristissimo blues. Il chitarrista nota i tre, capisce che sono lì per lui, quindi li sfida a colpi di blues. U, E devono reggere il confronto e cantare delle strofe improvvisate, in una gara che somiglia molto alle tenzoni tra poeti dialettali. Infine soddisfatto, MSDD smette di suonare e si avvicina a Cindy. Prova a baciarla, lei si sottrae, allora lui, che impugna la chitarra come un destro, la impugna da mancino, suona due-tre note, e la ragazza, quasi rapita da un vento di passione, lo bacia appassionatamente. MSDD si avvicina ai tre, scambiano due parole sul da farsi ed escono. Sam e MAnero augurano loro buona fortuna. All’esterno, a sorpresa, trovano l’Uomo che Inventa le Barzallette, la sua compagna e Omero. Anche il trio vuole aiutarli. I 6 partono, hanno come meta un parco dove si nasconde l’UN. Nel lungo giro per le strade MSDD suona una melodia che fa cadere nel sonno gli abitanti, perché non assistano a ciò che sta per avvenire. Per fare ciò, a MSDD basta impugnare la chitarra da mancino: la sua Fender Stratocaster diviene uno strumento per incantare la mente umana, a mo’ di Pifferaio magico. Ma intanto un’immensa ombra, scura e minacciosa, avanza verso di loro, a rendere più tenebrosa la notte. Al suo passaggio tutte le lampadine dei lampioni esplodono. MSDD suona con passione: tutta la città deve dormire per essere preservata da un orrore così grande. Chissà se il giorno dopo qualcuno si sveglierà ancora vivo.

FONTE: http://www.playthelab.it

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...