IL VENTO NON URLA

IL vento non urla

Farina bianca di sacco disegna le impronte del vento, fino al margine del bosco insegna le tracce. Notte, facciate anonime di notte, sferzate da violenza e grigiore e calcestruzzo, a secchi sul giorno che muore.
Fatica e dolore, dolore di passi pesanti, impediti da mulini di vento.
La mia finestra, cerchio di luce sul buio più fitto, è impenetrabile al vento.

Si spezza contro i mattoni il vento, soffre nei cornicioni, muore sui davanzali: non entra qui il vento.
C’è troppo spazio pieno qui. Collezioni di cose, vecchie e nuove: l’elenco della vita.
Questo spazio è troppo pesante, troppo per una folata di vento.
Farfuglio parole sconnesse, che come un braccio disarticolato pendono lungo il fianco.

La fuori il vento.
Non urla, non ruggisce, il vento soffia soltanto.
Ogni cosa, al contatto, presta la sua voce al vento, ma il vento non ha voce.
Il vento è tutte le voci che cantano le canzoni del vento: ma il vento non ha voci, solo tracce.

Le seguirò fino al margine del bosco.
Sarà come smarrire il fiato dopo la corsa, le mani a proteggere i fianchi, l’ansimo della voce che si perde, spezzata in frammenti, dentro lo stomaco.
Estenuato al margine del bosco, sento dietro di me la deflagrazione potente di consonanti rumorose: il rumore dei mondi di parole che entra in collisione con la sintassi scardinata dal pensiero.

Il vento non ha pensieri, solo i soffi scandiscono il ritmo della sua vita.
Un uomo segue le tracce, per imparare ad essere vento.
Sono solo un uomo, reso folle dalle voci, che prova una struggente nostalgia del vento.
A volte sosto, assorto come in preghiera, ma non prego mai. Mi assopisce il margine erboso del bosco, incerto se andare o tornare: allora rimango immobile, sospeso nelle voci.

Ascolto le voci-Sono Ingannato, tiro fuori la mia voce-Inganno.
Un inganno è la voce, che corrode il midollo. La voce che scorre sulla pelle, come una carezza, sussurra graffiando a sangue la schiena, massaggia gli stinchi. Sul margine erboso del bosco la voce è l’inganno: troppo seducente per l’abbraccio casto dei rami, irresistibile per un uomo.

Un solo passo, di là.
Coraggio! Occorre coraggio per inarcare la schiena in un passo che spezza le reni. Un morso che spezza le voci. Coraggio!

Dario De Giacomo – Altri Lavori

Foto di Norma Desmond: http://www.flickr.com/photos/dramaqueennorma/

Annunci

Una risposta a “IL VENTO NON URLA

  1. Pingback: IL VENTO NON URLA « WILLOWORLD·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...