LA PRIMA VOLTA

La ragazza mi fa accomodare, sorride meravigliosa nel suo vestitino corto attillato, le gambe affusolate avvolte in un paio di calze color carne.
L’emozione è fortissima, tremo eccitato dalla testa ai piedi e non riesco a spiccicare parola, sono consapevole del mio sorriso ebete stampato sulla bocca ma non posso farci davvero niente.
La mente è confusa, non mi rendo conto se 13 anni sia l’età giusta o meno per la “prima volta”; so che c’è chi ha vissuto quest’esperienza prima di me, ma la maggior parte la sperimenta dopo, qualcuno anche da adulto.
Certo un po’ di paura credo sia normale: paura di non farcela, di non essere all’altezza della situazione, di scoppiare a piangere una volta iniziato.
L’importante è tenere sempre presente che bene o male finirà, che si tratta di un misero attimo rispetto all’intera vita, di un istante rispetto all’eternità dell’Universo.
La ragazza si china su di me, mi lascia intarvedere i suoi seni, mi sussurra qualcosa all’orecchio, credo abbia capito perfettamente il mio stato d’animo; inizio a sudare copiosamente, lei si volta e si allontana sculettando molto dolcemente, è bellissima con i suoi riccioli neri.
Paradossalmente non riesco ad apprezzarla più di tanto, il pensiero di ciò che sta per accadere offusca la mia mente.
Sotto di me percepisco la potenza che inizia a scatenarsi, penso ai miracoli che l’uomo è in grado di fare e segretamente gioisco di tanto vigore; tra qualche istante l’oggetto di tante passioni si ergerà libero ed incontrastato, pronto ad essere ammirato e desiderato.
La ragazza torna da me, in una mano stringe un bicchier d’acqua mentre nell’altra tiene un piccolo involucro d’alluminio, molto sottile ma con un rigonfiamento al centro, un omaggio per rendere più piacevole la nostra avventura.
Fisso le sue splendide gambe e per un istante penso come sarebbe bello poterle toccare, sentire sotto le dita il nylon liscio e delicato ma subito un’ombra oscura questo pensiero: la consapevolezza che ogni giorno decine di occhi ammirano quelle bellezze e probabilmente desiderano deliziarsi con esse.
D’altronde è il suo lavoro, intrattenere persone che la tormentano con le richieste più starne, esaudire le voglie dei clienti, anche quelli più bizzarri.
Probabilmente è felice di potersi prendere cura ogni tanto di un ragazzino della mia età, di poterlo coccolare, vezzeggiare liberando una punta di istinto materno, consapevole di doverlo accompagnare delicatamente per tutta l’esperienza evitando il più possibile traumi che potrebbero rivelarsi molto duri.
Con mano tremante bevo l’acqua, sento crescere la potenza, percepisco vibrazioni fortissime che francamente mi mettono a disagio, afferro l’involucro di alluminio ed inizio a scartarlo.
Contiene una specie di palloncino trasparente, un pò viscido, non riesco a capire bene cosa sia.
Finalmente la ragazza mi si siede accanto, mi guarda un pò divertita e mi domanda se so come usarlo.
Annuisco imbarazzato, mi porge il palmo aperto della mano, le rendo l’oggetto misteroso e lei mi da una dimostrazione pratica, con le dita e la bocca!
Rimango estasiato, improvvisamente sento la sua mano che cerca la mia, gliela stringo, una mano dalla pelle morbida e delicata… finalmente ci siamo, non resisto davvero più!

I motori girano al massimo, non riesco a muovermi, guardo la ragazza che mi sorride proprio mentre prendiamo il volo… sorride… sorride ad uno stupido ragazzino impaurito che stringe in mano un palloncino con scritto: “Lufthansa vi da il benvenuto!”.

Massimo Mangani- Altri Lavori

Foto di: http://www.flickr.com/photos/fisserman/

ENTRA IN RIVOLUZIONE CREATIVA! CREA INSIEME A NOI!

Annunci

2 risposte a “LA PRIMA VOLTA

  1. Pingback: LA PRIMA VOLTA « WILLOWORLD·

  2. Pingback: LETTURE YOGA « I Silenti·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...