A TE

Vorrei che la terra si appropriasse delle linee della tua schiena

e le onde del mare seguissero l’armonia delle tue curve per carpirne la perfezione.

Non c’è angolo della tua pelle che non ti appartenga,

nessuna smorfia che non rifletta i tuoi pensieri.

Le mani seguono le mani,

e le labbra invadono i capelli.

Nel caos eterno di buio e sabbia,

rimaniamo ancora una volta inermi davanti alla notte.

Marianna De Giacomo

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

Advertisements

Una risposta a “A TE

  1. Pingback: LETTURE ASPETTANDO LA PRIMAVERA « I Silenti·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...