IL TERRORE NON AVRÀ FINE – IX

Leggi dall’inizio!

“NOTTE INSONNE”

(In un appartamento di Firenze Sud)

L’ispettore Rizzi non riusciva a prendere sonno, si girava e rigirava nel letto, un bagno di sudore nella notte torrida, dalle finestre aperte neppure un refolo di vento. La classica estate fiorentina, con un tasso di umidità da spezzarti le gambe; la cosa migliore da fare sarebbe stato comprare un condizionatore, ma le sue idee in fatto di ecologia erano ben ferme e, anche se talvolta vacillavano, riusciva a mantenerle salde, quindi niente aria fresca! Oltre al caldo, ad impedirgli di addormentarsi c’era il pensiero delle indagini su Nusreddin.
Aveva avuto carta bianca dai suoi superiori ed un budget di spesa praticamente illimitato ma il vero problema era da dove incominciare. Il fatto poi che avrebbe dovuto strettamente collaborare con i poliziotti americani non lo rassicurava per nulla, visto come era finita l’ultima volta. Dopo che era stato lasciato libero da Camp Derby aveva fatto ritorno a casa e gli erano stati dati 10 giorni di permesso straordinario per riprendersi dal trauma. La storia non era finita lì perché circa 6 mesi dopo aveva ricevuto un avviso di garanzia dal tribunale di Firenze: i giudici stavano indagando su un suo possibile coinvolgimento nel rapimento di un cittadino pakistano, che pareva fosse stato mandato nel famigerato carcere di Guantanamo senza rispettare le leggi e le convenzioni internazionali. Lui e gli agenti della CIA presso il Consolato erano finiti sotto processo e la storia aveva guadagnato anche le prime pagine sui giornali.
Fortunatamente la “diplomazia” aveva messo tutto a posto, lui era risultato estraneo mentre gli agenti americani erano stati dichiarati “non imputabili”. Per un uomo con le sue idee, l’essere stato scambiato per un aguzzino lo aveva turbato a tal punto da meditare di lasciare la polizia e soltanto la vicinanza dei suoi uomini più fidati lo aveva fatto desistere.
Adesso, grazie anche al cambio di amministrazione negli States, le cose sarebbero state fatte alla luce del sole, almeno sperava, e comunque sotto quel profilo era stato molto chiaro, non avrebbe tollerato alcuna violazione dei diritti umani!
Per iniziare avrebbe dovuto prendere contatto con il detective Jack Manganelli dell’FBI di Los Angeles per farsi inviare copia del fascicolo su Nusreddin. Ricordava perfettamente Jack, l’uomo che gli aveva tolto la benda alla base americana, gli era sembrata una brva persona, ed anche molto scocciata per quello che stava facendo. Non sapeva bene perché, ma istintivamente si rese conto che poteva fidarsi di quello sbirro che aveva l’aria di un mastino!

Continua a leggere…

Massimo Mangani – Altri Lavori

Foto di Willoclick

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

Annunci

Una risposta a “IL TERRORE NON AVRÀ FINE – IX

  1. Pingback: IL TERRORE NON AVRÀ FINE – VIII « RIVOLUZIONE CREATIVA·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...