COME ERI BELLA (a mia Madre)

Eri bella
Quel mese di giugno.
Eri spensierata.
Ti imbattesti in un lui
Così signore
Quel giorno in riva all’Arno.
Dei frutti nel grembiule
Il tuo pranzo
Povere scarpe ai piedi
E niente più
Se non la tua freschezza.
Discese dal suo macinino
Con le ruote arrugginite
Padrone di sé
Sporco di fonderia
Il tuo ammaliatore.
Gli occhi neri accesi
Come fari nella notte
E onde ribelli di mare
Fra i capelli.
Da lì a poco eri la sua donna
Poco prima dell’avvento
Dei colpi di fucile
Delle schegge impazzite
Dei rumori perfidi della guerra
Con la fame
Le pezze ai piedi
I reticolati
E nei giorni fortunati
Il silenzio delle armi.
Ed io in quei giorni
Già pulsavo nel vostro cuore.

Assolo di Viola – Altri Lavori

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Advertisements

Una risposta a “COME ERI BELLA (a mia Madre)

  1. Pingback: LETTURE D’APRILE SULL’ERBA « I Silenti·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...