IMMOTIVAMENTE STRANIERO (ripresa cinematografica n. 11)

di Bruno Magnolfi

Giro per strada immaginando che da un attimo all’altro qualcuno si metta a gridare e a inveire contro di me. Però, osservo con attenzione tutto il marciapiede, e sinceramente mi pare che nessuno tra quelli che camminano di fronte ai miei passi, abbia questa intenzione, almeno per il momento. Sospetto comunque, peraltro senza esserne del tutto convinto, che qualcuno possa improvvisamente sentirsi esattamente colui che ha dei motivi fondati per dirmi qualcosa: rimproverarmi per quello che ho fatto, o soltanto pensato di fare, magari ieri o dieci anni fa; trovare assolutamente non adatto il mio semplice essere qui, in questo luogo; che possa lamentarsi, in modo vistoso ed energico, della mia faccia, delle mie espressioni, del mio comportamento. Non credo che esista un vero e proprio complotto ai miei danni, ma il mio spirito resta in fondata apprensione, gli elementi negativi sembrano quasi aleggiare nell’aria che ho intorno.
Sono sicuro di non aver fatto niente di male, lo penso con convinzione, e continuo a ripetermi questa frase nella mia testa, mentre, sempre più preoccupato, proseguo a percorrere questa strada così ostile, piena di gente che forse vuole soltanto liberarsi di me, persino del mio semplice fatto di esistere. Però sono altrettanto certo che è solo un improvviso colpo di testa quello da cui eventualmente devo difendermi, e la cosa maggiormente antipatica, è che non so da chi possa giungere il gesto ostile, non posso sapere in anticipo da chi e da cosa mi debba proteggere. Non provo paura, sono disposto a lottare per conservare il mio stato: cammino, le mani dentro le tasche, su questa strada che ha larghi marciapiedi, e penso ci sia posto per tutti, secondo me non ha alcuna importanza se nessuno di coloro che la percorrono riconosce le mie peculiarità, le mie caratteristiche specifiche. Almeno mi basta continuare in questo modo, senza che venga ostacolato il mio passo, senza che mi senta assediato per la mia maniera di camminare, per la sola presenza di me che cerca di conservare il suo percorso sul lato di questa strada.
Infine qualcuno mi chiama da dietro, mi volto lentamente, con preoccupazione, già prevenuto contro quello che avverto quasi come un naturale pericolo. Salve, mi dicono due addetti alla strada sicura; lei non è ben accetto in questo quartiere, deve spostarsi, andarsene da tutt’altra parte, la sua passeggiata rischia di essere una seria provocazione. Rimango per un attimo immobile, poi abbasso lo sguardo, faccio cenno di si con la testa, riconosco la loro autorità, le loro ragioni, quello che mi hanno comunicato. Però non so proprio cosa pensare, non mi aspettavo assolutamente una cosa del genere: avevo ragione intorno a ciò che avevo sospettato fino adesso, però avevo sbagliato la deduzione fondamentale: sono io il vero pericolo per gli altri, sono io quello non adatto a starsene qui, nessuno vuole minacciarmi o farmi del male, è sufficiente però che io sparisca, mi tolga dai piedi di questa gente che troneggia sul marciapiede.
Gli addetti alla strada sicura proseguono a guardarmi per sincerarsi che io abbia capito, poi mi mettono una mano ciascuno su un braccio, e fanno cenno che saranno loro ad accompagnarmi. Mi lascio guidare, ormai non ho alcuna possibilità di far altro: proseguo nel tenere la testa chinata a evitare guai anche peggiori, e a guardare soltanto a dove metto i miei piedi. Mi fanno attraversare la strada, dicono qualcosa tra loro; infine, sottovoce, cerco di chiedere loro che cosa ho che non va, perché debbo andarmene, cosa fa di me una persona diversa dagli altri. Nessuna risposta, i due addetti guardano avanti e restano adesso perfettamente in silenzio: compiono semplicemente il loro dovere, penso, sto facendo delle domande alle persone sbagliate. Poi usciamo dai confini di zona, loro lasciano completamente la presa, per un attimo mi sento libero, poi mi volto, guardo la strada su cui siamo giunti, e mi accorgo che altre persone mi stanno osservando con severità: non finirà mai, penso, tanto vale adattarsi ad essere come son tutti.

Bruno Magnolfi – Altri Lavori

Immagine di Giulia Tesoro – Altri Lavori

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...