LA CALZA DELL’ACROBATA

E’ la notte di San Lorenzo e fa un caldo cane, me sento tutto appiccicoso, così, me dico, vado sul terrazzo del palazzo a fumamme ‘na sigaretta in santa pace. Stasera il cielo sembra più scuro, non ne vedo molte di stelle. Me rilasso cò ‘na bella sigaretta e poi domani che è sabato sai che faccio?
Me ne vado prima al bar a fà colazione, quello vicino alle poste, dove c’è Gina la bionda che me fà sempre l’occhietto quando me allunga la tazzina der caffè e se sporge sempre a mostrà la scollatura quando me chiede se lo voglio “corretto”. Poi dù chiacchiere cò li amici fino a che nun se fà ora de pranzo, tanto tra il giornale, la schedina, ogni volta- stavolta- vinco -me -lo -sento, e qualche mano de carte, la mattinata vola. Dopo un bel piatto de bucatini annaffiato da un vinello genuino, me faccio il solito riposino; così, verso le cinque, me metto a lustro e col dopobarba, quello buono, che ho comprato alla profumeria del centro commerciale, mica alla Conad vicino casa, me ne vado al Bingo e dopo cena a ballà un bel liscio. Oh sta colonia è infallibile, me lo sento, domani sera faccio ‘na strage in pista … anche Gina ieri m’ha detto “Oh ma che te sei messo il profumo?” “Che se sente?” gli ho risposto… e là ho capito che je piace…
Salgo le scale mentre penso al sorriso di Gina, anzi, alla scollatura della camicetta bianca che si slaccia sempre là in mezzo, sempre al punto giusto, né troppo, ma mai poco, giusto giusto dove arriva il pendente della collana, proprio quello dove tiene la foto del fratello che s’è sfracellato in moto dieci anni fa, poveraccio…
Arrivo sul terrazzo che c’ho già la sigaretta in bocca, … figuramose, io fumo da quando c’ho 11 anni, ormai sto in automatico, manco ce devo pensà a accennèla che già sto a fumà… insomma… me pare de vedè con la coda dell’occhio ‘na stella cadente. Cerco de riacchiappalla con lo sguardo, me giro de scatto ma, .. niente! E poi non avrei fatto in tempo a esprime manco un desiderio… ma che me sò impazzito?! Le stelle cadenti, il desiderio… … Queste sò cose da femminucce!!… me devo proprio èsse bevuto il cervello…
Mi appoggio coi gomiti al davanzale del terrazzo, è bello alto e largo, ce potrei salì sopra e camminacce come ho fatto ‘na volta, a mi moje je stava a pià ‘n colpo! A Marì -je ho detto – lo sai come me chiamano a me sur cantiere? L’acrobata! Ce sarà ‘n perché… Perché tu marito sui ponteggi CE VOLA! Ecco perché…
Me metto a guardà giù per la strada. I soliti movimenti. Da quassù se vede pure fino all’incrocio cò Via Sarti dove se mette sempre Rosa, eccola là che se la sta a caricà un cliente, me viè da ride se penso a quella volta che ce sò voluto annà pure io, eravamo in tre e gli abbiamo chiesto lo sconto, ma allora era ancora bella, mo è vecchia e cò tutta sta concorrenza de belle ragazzette straniere me meravijo che sta ancora là a batte, dovrebbe pagatte lei, ma qua è pieno de pervertiti… guarda che te riguarda, vedo che la finestra al terzo piano del palazzo di fronte al mio- sa non è molto distante ma di notte con la luce accesa si vede abbastanza bene- è la prima volta che vedo la serranda alzata, di solito non guardo mai da quella parte perché è sempre chiuso, ma stavolta vedo nella penombra una figura femminile. Ammazza quanto è bella! Avrà… boh non lo so quanto c’avrà, ma so che è una gran figa, lo vedo dalla sottoveste che indossa, è seduta davanti ad un computer. La luce bianco blu del monitor evidenzia i contorni del suo corpo. Ha i capelli raccolti sembra intenta a scrivere.
E poi, cazzo, me se stanno a brucià le dita! Butto la cicca giù dal terrazzo, solo per un attimo me ricordo che la Signora Cambi ch’ha le lenzuola stese proprio là sotto, ma che me frega! Manco un incendio me può distoglie ora.
Altro che venticello, quassù sento ancora più caldo… me sposto pè vedè meglio la donna nella finestra. Mò la vedo meglio, c’ha ‘na piccola lampada alla sua sinistra, la vedo che sta a scrive e guarda lo schermo, sembra che sta a sorride, poi all’improvviso se slega i capelli e inizia a massaggiasse la nuca e poi lentamente se passa la mano sul collo e poi sul viso e poi sulle labbra. A quel punto sento che me sta a venì duro. Me tocco un po’ pè sistemamme ma, più me tocco e più me viene duro: è pazzesco, lei se sta a piegà un po’ sulla sedia, ha una mano in mezzo alle cosce, poi se slega i capelli e se gira di scatto verso di me. Me so sentito gelà il sangue! Ma poi ho pensato- Come fa a vedemme che sto più in alto e al buio?.. Oh, nun ce crederà ma me sò sentito ancora più eccitato, ho aumentato il ritmo e poi la troia- lei me deve scusà ma io già avevo deciso che era una troia, perché me piaceva pensà che m’aveva visto e che je piaceva pure a lei che io la stavo a guardà mentre se toccava- la zozza continuava ad accarezzasse e a toccasse fino a che… ho visto una stella cadente, ma era grossa e faceva pure rumore, almeno me sembrava che veniva sempre più verso de me, fino a che sta stella, sta luce, nun è diventata come un faro, anzi proprio un faro, e il rumore sempre più forte, ma io nun sentivo gnente perché stavo…-Insomma me so ritrovato de notte sul terrazzo sopra casa mia, con la mano tutta bagnata- ha capito no?- cò sto faro davanti. Poi i poliziotti se so affacciati dall’elicottero coi mitra come nei film, e m’hanno detto: “Mani in alto! Non ti muovere!” e io le mani in alto le ho messe, da quella destra un po’ bagnata e appiccicaticcia me colava pure un po’ de.. ha capito no? Che vergogna!… N’ omo all’età mia beccato così sul terrazzo, de notte, sorpreso a smanazzasse come un regazzino su una sconosciuta… Lei si immagina la scena? Lei capirà, io c’ho ‘na reputazione da difenne sur cantiere… al bar, cò mì moje, che m’ha lasciato sì, ma perché nun c’ho ‘na lira, anzi n’euro… io devo esse sincero, già qualche anno prima che mi moje me lasciasse, pè mettese cò quel cornuto del fornaro, cò cui me paragonava sempre, che lei diceva un uomo tanto moderno, al passo coi tempi, io nun è che la reggevo più de tanto, ..e sempre discussioni, e sempre che voleva vedè sti film pallosi da femmine, sempre robba da piagne, ste donne con le camicie a scacchi e sti cappelli de paglia in testa che se incontrano in mezzo ad un campo e se raccontano le storie d’amore e piangono, oppure lui e lei che si amano tanto ma poi arriva l’altro e indovina un po’?… E’ il Destino che li separa e poi si rincontrano e poi…ma un pover’omo che lavora tutta la settimana quanno torna a casa se vole distrarre un po’, vole vedè che so… un bel film de guerra, d’azione, no robba da piagne tutte le volte, e poi me diceva pure, “hai visto? Almeno nei film finisce bene. Mica come te che sei sempre uguale e nun ce capisci niente da sti film…”
Ma che ne so io Dottoreè, io dallo pissicologo prima nun ce sò mai annato… mi moje me diceva che ce sarei dovuto annà ma io nun c’avevo ‘na lira pè annà a vedè le partite della Roma, figurate se c’avevo i soldi pè ste cazz… ehm volevo dì pè ste cose.
Le calze, durante la perquisizione m’hanno detto -che ci fa lei con queste calze da donna a casa visto che sua moglie non abita più qui?- Io glielo ho detto che sono l’unico ricordo de mi moje che nun me vole vedè più e che io sò romantico alla fine, mica come dicevano lei e mi socera. Ma i poliziotti hanno detto sta calza è un sintomo di “feticismo”, -oh io fascista nun ce sò mai stato!- gli ho risposto- Dottoreè glielo giuro ho sempre votato comunista!!
E poi hanno trovato qualche rivista, cò qualche signorina un po’ svestita, ma nun so le mie, glielo giuro, so de Maxim, il rumeno che lavorava con me e che qualche volta rimaneva a dormì a casa mia, così quando lui non c’era, beh, un’occhiata gliel’ho data, ma io je devo confessà che preferisco le modelle de postalmarket, m’attizzano de più de ste porcate, c’è tutto un groviglio de corpi là sopra che ce metto sempre un po’ a capì che sta a succede… io vado sul classico invece, so n’omo de classe..
Dottooreè me volevano dà 20 anni!!! Lo sai che vor dì? Potevo morì ar gabbio, ecco che vor dì, e poi a me chi me li ridà i giorni, le settimane che ho perso in galera? NESSUNO! Tutti i colloqui cò voi pissicologi, pè convinceme che io sò malato… ma i malati siete voi! Che m’avete condannato e mò pure assolto, e mò me tocca fa altri “colloqui” come li chiamate voi altri, perché così state cò la coscienza a posto che io coi colloqui me ripjo…
Ma che ne so io Dottoreè! Lei me deve da crede, io nun c’entro gniente cò sti maniaci de internet, sto sfasebruk come se chiama…
-Si si, facebook. Il maniaco adescava le sue vittime su facebook e altri social network, costruendosi identità fittizie, avvicinando e conquistando la fiducia delle vittime, per la maggior parte donne giovani e in alcuni casi addirittura minorenni, per poi spiarle, adescarle e perseguitarle, forse in alcuni casi avrebbe anche potuto abusarne se non lo avessimo fermato, ma oramai non deve più preoccuparsi Sig. Lama, il colpevole è stato preso, questa volta con prove INCONFUTABILI. Purtroppo il colpevole aveva assunto una identità molto simile alla sua, creandosi un avatar virtuale…-
-un che?-
-… diciamo che aveva creato un profilo, costruito una descrizione molto simile a quello che è lei, cosa le piace, le sue abitudini ecc… sembrava conoscerla molto bene, fino nei particolari più intimi tanto che nei suoi giochi virtuali si faceva soprannominare “l’acrobata”. Inoltre il segnale del computer da cui proveniva quello tracciato dalla connessione internet veniva dal suo stabile. La polizia la stava tenendo sotto controllo già da tempo. La notte del suo arresto, quella che lei ha appena rievocato, una nostra agente sotto copertura aveva preso posizione all’appartamento al terzo piano di fronte a casa sua, ed essendo in chat in attesa del maniaco, ha iniziato a provocarla sperando che lei si collegasse in modo da essere colto in fallo. –
– eh proprio in fallo m’avete colto Dottoreè…e poi io il computer nun lo so manco usà, avoja a spiegà ar maresciallo che de computer a casa mia ne è entrato solo uno, quello de Maxim che lo usava pe telefonà a casa in Romania, diceva lui, anche se io nun j’ ho mai creduto, ma come se fa a telefonà cò ‘n computer, mica è un telefono noooo? ma, me dica ‘na cosa, ma chi era questo, sto maniaco, se po’ sapè?-
– Ovviamente c’è il più stretto riserbo sulle indagini che si sono appena concluse. Tuttavia, anche se non abbiamo ancora divulgato particolari alla stampa, penso che glielo dobbiamo, dopo questo imperdonabile errore commesso nei suoi confronti… dunque… grazie ad inconfutabili prove tecnologiche abbiamo scoperto che il maniaco era Sabino il fornaio, quello del negozio sotto casa sua…-
– Nooo! Il fornaro!!! Quel cornuto che s’è pijato mi moglie…Ma tu pensa un po’…-
– Si proprio lui. Il segnale infatti veniva dallo stabile perché il Signor Sabino utilizzava anche lui, come il suo coinquilino Maxim, in Romania al momento del suo arresto, una chiavetta internet per collegarsi non avendo linea telefonica al negozio… non è stato semplice individuarlo perché dopo il suo arresto ha cessato completamente le sue perverse attività per un bel pò…ma per fortuna per lei, alla fine ce l’abbiamo fatta ad inchiodarlo e ha confessato…-
– Hai capito sto fijo de ‘na mignotta!!! L’omo romantico…, moderno e tecnologico, come diceva mi moje… beh anche lui lo sapevo che nun gliela poteva fà alla fine a regge quei film pallosi tutto il tempo e s’è trovato qualcos’altro da fà… sa che je dico? Evviva la tecnologia che m’ha liberato in un colpo solo de mi moje e de ‘no stronzo!-

Federica De Angelis

ENTRA IN RIVOLUZIONE CREATIVA – CREA INSIEME A NOI!

Annunci

3 risposte a “LA CALZA DELL’ACROBATA

  1. Pingback: LA CALZA DELL’ACROBATA « WILLOWORLD·

  2. Pingback: LETTURE IN JEANS « I Silenti·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...