CAREZZE (a mia madre)

Stanche ossute e storte le dita
Diafana la pelle e grinzosa
Dalle tue mani mamma
Mi sembra sempre di sentir carezze
Dolci ed amorose
Delicate e premurose.
Lisce e dritte erano le dita
Che mi cercavano con tenerezza
Sono corsi gli anni
E non hanno perso nulla
Se non l’aspetto.
Allora non chiedevo carezze
Non chiedevo amore
Avevo già tutto senza chiedere
Adesso mi mancano
Tremendamente mi mancano
Carezze e baci
E non mi perdonerò mai
Di non averne chiesti sempre di più.
Stanche ossute e storte le dita
Diafana la pelle e grinzosa
Dalle tue mani mamma
Chiedo fremente ancora carezze.

Assolo di Viola – Altri Lavori

Foto di http://www.flickr.com/photos/fcaboni/

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Advertisements

Una risposta a “CAREZZE (a mia madre)

  1. Pingback: LETTURE IMPROVVISATE « I Silenti·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...